Thursday, 5 March 2015

ANCIENT GRAINS OF ABRUZZO & THE SCOURGE OF MODERN WHEAT


WHY OUR BREAD IS MAKING US ILL


I didn’t even know it was until I starting reading up on the ancient grains of Abruzzo, simply because they fascinated me.  Then I started to dig deeper and to get angry and now it all makes sense.  When I make my own bread I have always favoured spelt flour and never knew why.  Now I do.

The wheat products we eat today may often look and taste totally delicious but they bear very little resemblance in their nutritional and genetic make up to those from merely 50 years ago.  

Grains have been at the heart of our diet for thousands of years. They are easy to cultivate and store and are full of fresh life and nutrients.  Bread.  The staff of life.  But not any more.  Wheat has been subjected not only to some of the most intense cross-breeding efforts ever seen, but also to irradiation of wheat seeds and embryos with chemicals, gamma rays and high-dose X-rays to induce mutations.

The aim has been to produce a high yielding crop; one that is resistant to disease, pests and drought and has a long storage and travel life.  

All of this has been achieved, but wheat has now been hybridised to such an extent that it has been completely transformed from its prehistoric genetic configuration.  It is now postulated that the protein structures have been changed so much that toxins have built up within the grain to the extent that they naturally repel insects and pests.  

An achievement of an aim perhaps, but if rats don’t touch these grains, do they know something we don’t?  

Wheat doesn’t even look as it did just 40 years ago.  Rather than the tall and elegant plant wafting in the breeze of Constable’s England, we now have a stocky little plant struggling to support its oversized high-yielding head that is made all the more productive by complimenting fertilisers and pesticides.  

And it’s safety for human consumption has never been questioned or tested.  

But the problem doesn’t end there.  Not only do we have an unhealthy, modified, and hybridised strain of wheat, we have also removed and further degraded its nutritional value by processing.  Modern steel roller milling methods may produce the purest and finest of white flour at low cost, but they also eliminate those portions of the wheat kernel that are richest in proteins, vitamins, lipids and minerals.

Buying “healthy” whole wheat flour isn’t quite the answer you’d expect it to be either.  Sadly, “whole wheat" is often nothing more than white flour with some bran added back in. There’s nothing “whole” about it.  Stoneground, “whole meal” flour is slightly better, the entire wheat kernel is ground and the germ is crushed into the flour, but you are still dealing with (in the most cases) a grain that has grown from a mutant seed in synthetic soil bathed in chemicals.  

Is it therefore surprising that, in the last 40 years, cases of people “gluten intolerant” has grown by over 400%?  Yet, many who cannot eat wheat seem remarkably fine with ancient grains, even when they contain gluten…


ANCIENT GRAINS



Ancient grains are virtually unchanged from what they were thousands of years ago.  They are free of hybridisation and genetic modification and have a higher nutritional value than modern wheat.  They are a simpler, purer food, just as nature designed them and you can supplement any of them for modern wheat flour in breads and other recipes, in any way you like.  

Furthermore, many are still grown here in Abruzzo and what follows is a brief introduction to the more common ones (ie, easier to find).

Firstly, however, we must start with Kamut®, for the simple reason that it is the better known ancient relative of modern wheat.  

It is important to know that Kamut® is not a grain in itself.  It is the trademark of khorasan wheat, which is grown mostly in American and Canada and sold all over the world at high prices.  The company justifies the cost with the fact that it is a high quality organic product, free of genetic modification.  

That as may be, but if you’re not in America and if you’d rather not add to transport miles, the following are all excellent alternatives, all displaying similar nutritional properties of khorasan wheat, all still intact with their ancient gene pool, and all grown in Italy, all grown in Abruzzo.


THE ANCIENT GRAINS OF ABRUZZO


The list of grains grown in Abruzzo may never end.  Some of them have already been lost over the centuries, but many are still thriving with their cultivation and protection being jealously guarded.  Here are just a few of the most popular and fairly easy to find:


Grano Saragolla


Saragolla wheat has been grown in Abruzzo since at least 400 AD and can be considered one of the founders of modern durum wheat.  The remarkable quality of this cereal was highly sought after for pasta making in Naples as it was considered the best durum wheat available.

In common with other ancient wheats, Saragolla contains a higher content of protein, lipids and minerals than modern wheat.  The grain is still used today for high quality pasta distinguished by it’s beautiful yellow colour.  Saragolla also has excellent cooking properties and is superb in many dishes due to it’s intense and spicy flavour.


Grano Solina


This soft wheat is high in protein and is grown mainly in the mountain and foothill areas of Abruzzo, where it has been cultivated since at least 1500. It is particularly suitable for organic farming methods as it is naturally resistant to weeds, cold temperatures and poor soil.  Despite being low in gluten, Solina has always been used in bread making, shaking off the myth that you can only bake bread with “strong” bread flour.


The ability of this grain to survive in poor soil and hostile weather has, in the past ensured the sustenance of families and, therefore, their survival.  The quality and authenticity of Solina are still appreciated by many farmers today who admit that they cannot do without the taste and scent of the bread and pasta made from this cereal that is often referred to as “the mother of all grains”. 


Senatore Cappelli


Another superb alternative to Kamut® is Senatore Cappelli, an excellent variety of durum wheat.  Again, it has never been genetically modified and is rich in lipids, amino acids, vitamins and minerals. It is also easily digestible. The flour of Senatore Cappelli is considered perfect for making sourdough breads. 


Gentil Rosso


Gentil Rosso is the oldest of Senatore Cappelli durum wheat varieties, called “Red” for the colour of the ripe wheat ear. The flavour of Gentil Rosso is very intense and gives the bread a characteristic aroma, making it ideal for break making, pizzas and cakes.  It also has a very low gluten content making it perhaps better suited for flat and unleavened breads.  


FARRO


There is some confusion as to what farro is due to three different species all being called farro in Italy.  

The three types:


Spelt (Triticum spelta):  farro grande
Emmer (Triticum dicoccum):  farro medio
Einkorn (Triticum monococcum):  farro piccolo

Emmer is by far the most common variety grown in Italy and is considered to be of a higher quality for cooking than the other two grains.  It’s sometimes called "true" farro and is often confused with spelt, although it is an entirely different species.

Farro, cranberry & goats cheese salad
courtesy of www.lifesambrosia.com
As to which farro can be considered the best (or most healthy) of the three is an almost impossible question to answer.  They’re all only marginally different from each other in terms of offering slightly different flavours and by having slightly different attributes.  

All three are ancient ancestors of modern wheat and date back to at least 12,000 BC, a time when farro was the staple food of ancient tribes.  In common with the other grains, farro has not been subjected to intense human selection and retains its ancient gene pool.

Although farro can be purchased in milled form as a flour, it truly comes into its own as a whole grain cooked and eaten as an alternative to rice, or as a salad combined with raw vegetables and drizzled with olive oil it is utterly delicious.  

As to its nutritional make up, Farro has few carbohydrates and calories, more protein and more fibre compared to wheat or durum wheat.  It contains minerals such as sodium, potassium, calcium and iron and has 40% more magnesium.  It contains vitamins from the B group but it must be noted that it is low in amino acids such as lysine, so therefore it is recommended to eat farro with beans and vegetables.


GRANO SARACENO (BUCKWHEAT)


No account of the ancient grains grown in Abruzzo would be complete without mention of Grano Saraceno, or buckwheat as it’s more commonly known.  Grano Saraceno is not actually a type of wheat, but a “pseudo-cereal”, a fruit seed related to rhubarb and sorrel. The triangular seeds of which are known as buckwheat groats.  

Saraceno is low in calories and has been providing essential nutrients, vitamins, energy, and fibre to humanity for approximately 8,000 years.  

The protein in buckwheat contains the eight essential amino acids and is also high in lysine.  Buckwheat is also rich in many B vitamins as well as phosphorus, magnesium, iron, zinc, copper and manganese.   

A 1995 study from the Johns Hopkins Medical Institute showed that eating 30 grams of buckwheat daily can lower blood pressure.  What is more, because buckwheat grain is digested more slowly than other carbohydrates it can leave you feeling fuller longer and improve glucose tolerance among the carbohydrate sensitive.  It is also gluten free.

Grano Saraceno has a strong, distinctive, slightly sour and nutty taste.  The groats are used whole in hot cereals, soups and porridges and is a perfect substitute for rice.

Buckwheat & spring veg,
courtesy of gluten-dairy-sugarfree.com



WHERE TO BUY


Not particularly easy to track down if you're outside Italy, but it is worth the effort.  Amazon and Ebay are good starting points for finding the companies that are happy to ship abroad.  


Online


The following are a selection I have come across, but not used due to high shipping costs - for once it's cheaper to shop in store than it is online.



In store (Abruzzo)


Viversano, Via Villa Breda, Turrivalignani (PE)
Ben Altro, via Arniense, Chieti
Agriturismo Tholos, C.da Collarso 105, Roccamorice (PE)  Web: http://agriparktholos.com/

Any of these are worth a punt:  Directory of health stores in Abruzzo: http://bio.tuttogreen.it/bio/elenco/negozi/abruzzo/


If anyone comes across any more, I would love to know so please share with everyone by leaving a comment below.


RECIPIES


To round off, a few suggestions as to what to do with your grains once you have them.

1.  A lovely account of the ancient grains of Abruzzo from Majella Home Cooking, with a delicious farro & cheese recipe at the end:  




A couple from me (I'm no foodie, but these work pretty well):

Soft Unleavened Multi-Grain Bread


125g  Saragolla flour
100g  Farro flour
30g    Oatmeal
25g    Farro flakes
1 1/2 tsp salt
3 eggs (beaten)
2 tabs olive oil
Water
Sesame seeds

Mix all the dry ingredients together.  Add the beaten eggs, oil and enough water to make it reasonably easy to pour.  Tip into a well-greased baking sheet (ideally with sides).  Sprinkle with sesame seeds.  Bake for 15-20 minutes in a 220 celsius oven.


GOOD OLD FASHIONED BREAD


500g of any ancient flour you like
1 sachet of dried yeast or 25g fresh yeast (or a lievito madre)
1 tab salt
approx 300ml warm water
glug of olive oil

Put the flour, yeast (crumbled if you're using fresh) and about 200ml of the warm water into a large bowl with a glug of olive oil.  Mix well, adding more water if necessary - it needs to be pretty messy and sticky - then start kneading on a floured board (or in a mixer with the dough hook).  Knead for at least 12 minutes until you have a good, elastic dough.  

Form the dough into a ball, put in a warm bowl lightly coated with olive oil (turning the ball once to ensure covered with the oil), cover with clingfilm and leave in a warm place to double in size (usually 1-2 hours).  

When risen, give the puffed up ball a punch to knock the air out of it, a light knead (no more than one minute), form into your loaf shape and put it on a baking sheet.  Cover loosely with your clingfilm and leave again until it's puffy and almost double in size (about half an hour).

Put into the oven pre-heated to 220 celsius for about 35-40 minutes.  Eat whilst hot!



MORE INFO & SOURCES



USEFUL CHART OF CEREALS & PSEUDOCEREALS:  http://en.wikipedia.org/wiki/Farro





Tuesday, 3 March 2015

TENT FREE TRAVEL

DO YOU WANT TO CAMP IN ITALY BUT DON'T WANT TO TRAVEL WITH YOUR KIT?  WE MAY HAVE FOUND THE ANSWER...




So here's how it works:

We have everything here you could ever want for camping: gas cookers (inside the communal campers' barn & outside on the terrace), barbecues, pots, pans, cutlery, crockery, fridge-freezers, and lots more.

And then we thought, why not supply the tents too?  So that's what we've done.  They're not glamping tents (we have those, but that's a different ball game).  These are just tents, ordinary, lovely little tents, two-berth and four-berth ones (just like the ones in the picture above). 

We won't put them up for you either; you arrive, collect your tent, pick your spot, pitch your tent and away you go.


SO, HOW MUCH IS IT GOING TO COST?

Not a lot.

Standard camping charge:
€12 per person, per night
€7 per child 2 - 12 years, per night
Toddlers under 2 yrs are free

Tent & all equipment (except bedding):
€1 per tent, per night
€5 per tent, per week


And that's all there is to it.



EASTER PROMOTION

This scheme is available all year, but to help us kick start it, we're not even going to charge for the tent hire at Easter.  All you need pay is the standard camping charge as above.  

Tents are free for the two weeks over Easter (2 - 16 April).  
Strictly first come, first served, with a 50% deposit to secure.

By the way, we're also in one of the most beautiful and remote parts of Italy, just saying...


MORE INFO

You can find out all about us and the region from browsing the main tabs at the top and right hand side of this blog.  There's also the following:

Website
Facebook
Cool Camping
Trip Adviser
Twitter
Instagram

Any questions or to book, give us a call (+39 333 4636075) or send an email: jaqs@kokopellicamping.co.uk


Kokopelli Camping
Outside shower (there are inside ones too)


Serramonacesca, this is our village
(you can find us out of sight to the upper left of the pic, 2km from the village)





Sunday, 4 January 2015

OLIVE LEAF TEA




Introduction


The latter half of last year saw me with varying bouts of minor illness, ranging through conjunctivitis, viral infections and flu, all within a few weeks.  One after the other.  The viral infection clearing up, then coming back.  I don’t do illness very well, I’m fit, healthy and strong, I eat a good wholesome diet.  So why me?

I live in Italy and my family are in England, which means me and Ryan Air are very well acquainted.  I travel back 3 - 4 times a year, only for short 5-6 day trips but long enough to stock up on hugs to see me though until the next trip.  And I always catch the mother of all colds, every single time I fly, bad enough to knock me out for a couple of weeks.  

This year, for the first time in a long time, I was going back to England to spend 10 days over Christmas with my family.  Absolutely no way was I going to be knocked out with illness, either during my stay or afterwards.  I was coming home to Italy on New Year’s Eve and nothing, absolutely nothing, was going to stop me joining the New Year party.

My immune system clearly needed a boost.  I hate taking drugs and anything chemical or synthetic; my diet is well balanced and full of natural and seasonal goodness (that is, if you include Montepulciano D’Abruzzo in that) and has served me well.  Until now, so I needed to target these evil viruses.  

And I found Oleuropein.

Wtf is that?  I hear you say, as I did.


The Science


That the mediterranean diet is good for you, that good quality extra virgin olive oil is good for you, is well known and undisputed, but now scientists have isolated the unique molecule that provides olive oil with its multitude of health giving and life-extending benefits.  This is an anti-microbial agent called oleuropein.  Not only does the olive tree produce oleuropein in it’s oil it but it produces it abundantly in its leaves as well, meaning we have access to one of the most beneficial components of olive oil without having to consume copious amounts of oil.

Oleuropein has been found to kill fungi, bacteria, viruses, protozoa and parasites, within the olive tree as well as within the human body.  The beauty, and where oleuropein comes into its own, is that it doesn’t disturb the friendly flora in your gut.  It only works against the bad guys, not the good guys.



The Benefits


The benefits coming out from recent studies into oleuropein are fairly impressive.  Oleuropein constituents are best known for their blood pressure-lowering effects, but latest studies reveal benefits extending well beyond that. Additional anti-inflammatory and antioxidant properties offer promise in fighting diabetes, cancer, neurodegenerative diseases, gout and even arthritis.  What caught my attention, however, was it’s apparent effectiveness against the herpes virus, the evil component responsible for shingles (my recurring viral infection), and for providing a defensive barrier against the cold and flu virus.


Making Olive Leaf Tea


This, I was convinced, was my secret weapon and I had access to it.  We have olive trees, quite a few in fact and, hence, a heck of a lot of leaves.  I picked the leaves by hand, mid-morning after the dew had dried.  I put them on top of the wood burner where they dried within 24 hours (quick drying, without sun, being essential for preserving the benefits), and then I crushed them into tea leaves.

Steeped in hot water for 5 minutes, the flavour surprised me.  I don’t know what I expected, but I didn’t expect to like it, which I did, a lot.  I hate green tea, and I thought olive leaf tea would be the same, but it’s not.  It’s mild and delicate with a slightly musky sort of flavour.  What is more, not only is olive leaf tea far nicer than green tea, it is caffeine free, has been shown to have an antioxidant capacity almost double that of green tea, and is 400% higher in vitamin C.  


Did it work?


Astoundingly yes!  At the beginning of December I started drinking at least 3 cups of the tea a day, giving myself 3 weeks until travelling to allow the oleuropein chance to work its way into my system.  With the shingles, the effect was immediate.  The nasty itchy spots lost their anger within 24 hours and started to clear up within 48 hours, before disappearing all together.  As of writing (5 weeks later) I have never had another outbreak.  

I flew to a sniffing, sneezing England, travelled through rush hour London squashed amongst virus ridden commuters, had a wonderful Christmas with all my family around me, flew home on New Year’s Eve and danced until the early hours of New Year’s day.  Fit, healthy and strong.

Four days later, still no sign of a cold.  

That, then, is me convinced and still drinking 3 cups of olive leaf tea a day, with no plans to stop.


Where to buy Olive Leaf Tea


From us, but only in our little organic campsite shop for our guests.  We have no plans to go into the commercial market.  

This is who we are and where you can find us: www.kokopellicamping.co.uk

Mirabilia Organic Olive Leaf Tea

Not a million miles from us here in Abruzzo, Mirabilia Organic Olive Leaf Tea pick by hand, employ local workers, and everything they use as part of their production is locally sourced.  They have a selection of delicious sounding blends to choose from, such as olive leaf tea with pomegranate, or with lemon & wild mint.  They have an online shop and have joined forces with various retailers, such as Whittards, who sell their product in their stores.  

Mirabilia Organic Olive Leaf Tea:  http://www.oleaft.com/


More Information


If you would like to read more, have a look at these sites that I used in my research:

Life Extension Magazine: Report 2013 - Unexpected benefits of olive leaf extract:  www.lef.org








Monday, 22 December 2014

Sentiero dello Spirituale, Majella, Abruzzo


SENTIERO DELLO SPIRITUALE

PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA, ABRUZZO

Serramonacesca – Sulmona  85 km da 400 m a 2000 m slm

Click here for the English version: Spiritual Trail (EN)


PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA



La crescente curiosità nei confronti della Leyline dell'asse San Michele/Apollo che collega l'Irlanda e la Grecia, attraversando l'Abruzzo, si riflette in un vero e proprio interesse verso le vite e le passioni dei monaci Celestini del tredicesimo secolo.

Chiamatela come meglio credete, una Leyline, la “via della luce” o semplicemente il sentiero dei pellegrini e pastori guidati dalle costellazioni, certo è che la connessione tra i luoghi in cui sorgono gli eremi della Majella e la “via della luce” rappresenta una motivazione più che valida per spronare chiunque a recuperare lo zaino dall'armadio e mettersi in cammino per 4 giorni immergendosi a capofitto nel Sentiero Spirituale nelle montagne del Parco Nazionale del Majella.


LA MAJELLA


La Majella è un luogo di un'intensità spirituale sconcertante e si trova in Abruzzo. L'Abruzzo, isolato da secoli grazie alla sua imponente barriera naturale, rappresenta il cuore degli Appennini e la regione più montuosa  d'Italia.  La Majella viene chiamata sia  la “Montagna Sacra” che la “Madre Majella”, nomi che lasciano trasparire un'immagine magica e che sviliscono la reputazione di una terra di selvaggia ostilità, di inverni aspri e di suolo spietato.

PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA


La leggenda narra che la Majella venne formata quando Maya, la dea della Terra,  era intenta a raggiungere una delle cime della montagna alla ricerca di un'erba speciale che guarisse il figlio gravemente malato. La storia vuole che Maya fallì nell'impresa e  il suo povero figlio morì lasciandola in uno stato di profondo sconforto che provocò la rottura del suo cuore. Maya riapparse  nella sola forma della rotonda montagna della Majella, la bella addormentata dell' Abruzzo, sollevandosi rapidamente dalla pianura alla cima della montagna.

Chiamare la “Madre Majella”semplicemente una montagna  non le da il giusto credito. La Majella è un complesso montuoso composto splendidamente da 30 cime di oltre 2000 metri e 75 colline. La sua forma di balena non è facilmente distinguibile da lontano, ciò è dovuto al fatto che le sue cime rimangono molto nascoste e il suo aspetto cambia in base alla luce e alle stagioni.

La Majella viene considerata da molti  imponente, imprevedibile e inabitabile, ma indiscutibilmente trattiene un'aura di bellezza incontenibile, di spaziosità, e di pace, che fa sobbalzare il cuore ed innalzare gli animi.

Saranno state quindi solamente la sua bellezza, le alte cime, le spettacolari gole e le affascinanti labirintiche caverne calcaree ad attirare per secoli eremiti, pellegrini e viaggiatori? O c'è qualcos'altro? Una forza magnetica, un'energia, una ley line che li ha spinti?


IL SENTIERO DELLO SPIRITUALE


Il sentiero dello spirituale attraversa la landa selvaggia della Majella e le montagne del Morrone per 85 km partendo dal piccolo paesino di Serramonacesca (la terra dei monaci) sul versante nordorientale fino allo storico paese di Sulmona, nel lato centro occidentale. E' un antico percorso che unisce gli eremi dei monaci celestini della Majella, alcuni di essi non sono altro che semplici caverne dotate di letto e altare ritagliati dalla roccia, altri invece, come l'eremo di Santo Spirito, datato intorno al dodicesimo secolo, è una struttura elaborata costruita nella roccia di una gola profonda.

Il sentiero inizia e finisce a un'altezza di circa 400 m slm, ma lungo i suoi 85 km ci si ritroverà a scalare tre delle principali cime, la più alta di oltre 2000 m slm, precipitando poi nelle gole di due valli spettacolari. Si verrà accompagnati da vorticose acque dei fiumi di montagna, vagando con i lupi e gli orsi dei boschi e camminando in mezzo a mandrie di cavalli selvaggi delle alte pianure. Durante il sentiero gli scenari faranno trattenere il fiato e difficilmente si incroceranno altri escursionisti.

I pernottamenti saranno una combinazione di campeggi liberi con la propria tenda, oppure al riparo  nei rifugi, o ancora, se si sentirà il bisogno di un po' di coccole si può cedere alla tentazione di un lussuoso B&B  nella località termale di Caraminico.


MAJELLA-MORRONE


COME ARRIVARE


Abbiamo scelto di percorrere il sentiero da est a ovest, partendo da Serramonacesca terminando a Sulmona per la semplice ragione che ci risultava più comodo il ritorno da Sulmona verso Serramonacesca che il contrario.

Come arrivare a Serramonacesca: Ryanair (http://www.ryanair.com)  voli regolari su Pescara che si trova a soli 30 km da Serramonacesca.  Corse giornaliere di autobus e treni da Pescara a Chieti Scalo:  Arpa (http://www.arpaonline.it) per gli autobus, Trenitalia (http://www.trenitalia.com)  per i treni. 

Gli autobus di Arpa fanno due corse giornaliere da Chieti Scalo a Serramonacesca, si possono vedere gli orari dal sito. 

Se si dovesse preferire fare scalo su Roma, ci sono autobus che collegano Roma Tiburtina a Chieti Scalo durante la giornata per un costo di circa 15 euro e una durata di 2,5 ore. 

Alloggiando al campeggio Kokopelli di Serramonacesca, si può chiedere il trasferimento da Pescara (35€) o Chieti Scalo (25€).


Dove alloggiare a Serramonacesca: Campeggio Kokopelli, al confine del Sentiero dello Spirituale, rappresenta un'ottima soluzione per campeggiare in tenda o più comodamente in camere o tende a campana (www.kokopellicamping.it); Ostello San Liberatore, ubicato nel cuore del paese di Serramonacesca, dispone di camerate da condividere (www.ostellosanliberatore.com); B&B Le Pietre Ricce, vicino a Roccamontepiano, dal sentiero dista un'ora di cammino in mezzo alle colline. (www.lepietrericce.it)


Primo Giorno

Da Serramonacesca a Roccamorice 20 km, 

400 – 950 m slm (1097m salita, 682m discesa)


EREMO DI SAN ONOFRIO (Serramonacesca)
Monasteri, eremi, grotte: Abbazia di San Liberatore, Eremo di San Onofrio, Grotta San Angelo. 
Terreno: boschi di faggi, pianure e gole. 
Punti d'acqua: Fonte San Onofrio, Fosso San Angelo
Pernottare: B&B Santo Spirito Roccamorice (http://montabruzzo.abruzzen-online.de) nelle prossime vicinanze del Sentiero dello Spirituale, sopra l' Eremo San Bartolomeo. In alternativa, aggiungendo 5 km alla camminata, campeggiare liberamente nei boschi oltre l'eremo.


Secondo Giorno

Da Roccamorice al Rifugio di Marco 20 km,  820 - 1700m slm (1370m salita, 610m discesa)


EREMO DI SAN BARTOLOMEO


Monasteri, eremi, grotte: eremi di San Bartolomeo, Santo Spirito e San Giovanni
Terreno: boschi di faggi, fiumi  e gole. 
Punti d'acqua: Fonte Santo Spirito, Fosso Santo Spirito, Fonte Centiata (segnalata lungo il sentiero verso il rifugio di Marco)
Pernottare: Rifugio di Marco


Terzo Giorno

Da Rifugio di Marco a Caramanico Terme 12km, 1700 - 600m slm (210m salita, 1273m discesa)


CARAMANICO TERME
Monasteri, eremi, grotte: eremi di San Onofrio,valle dell'Orfento
Terreno: boschi, fiumi  e gole. 
Punti d'acqua: fiume Orfento
Pernottare:  Caramanico Terme è un paese di medie dimensioni, con diverse possibilità di alloggio, da un centro benessere termale Luxury a campeggi e hotel. 
Consigliati: campeggi e camerate alla Casa del Lupo (www.majambiente.it) anche punto di informazioni del Parco; B&B Antico Borgo nel centro storico (http://www.anticoborgobb.it)


Quarto giorno

Da Caramanico Terme a Eremo San Pietro 18km, 450 - 2000m slm (1700m salita, 670m discesa)


MONTE MORRONE


Monasteri, eremi, grotte: eremo San Pietro
Terreno: boschi, pianure,  vette di montagna  e gole. 
Punti d'acqua: paese di San Vittorino, fonte Della Casetta nei boschi che precedono l'eremo di San Pietro
Pernottare: campeggio libero nei boschi vicino alle sorgenti d'acqua della fonte della Casetta,  appena prima di raggiungere San Pietro


Quinto Giorno

Da Eremo San Pietro a Badia Morronese, Sulmona 15km, 1400 - 400m slm (370m salita, 1340m discesa)


EREMO DI SAN PIETRO


Monasteri, eremi, grotte: eremi San Pietro e San Onofrio, Badia Morronese
Terreno: boschi e sentieri tracciati
Punti d'acqua: Sulmona
Ritorno da Sulmona a Serramonacesca: corse regolari di treni tra Sulmona e Chieti per 5 € a persona, la stazione dei treni dista 7 km a piedi dalla Badia Morronese, un luogo che merita di essere ricordato, appena prima di un altrettanto meritevole birra al piccolo bar vicino il monastero.


LE MAPPE


La mappa ufficiale del Parco in scala 1:50,000 puo' essere acquistata in qualsiasi centro di informazioni del Parco, oppure online al  http://www.majambiente.it/Carta-dei-sentieri.htm. Una versione della mappa interattiva online si trova sul sito del Parco http://www.parks.it/parco.nazionale.majella/Emap.php

Una mappa più dettagliata dei sentieri (1:25,000) puo' essere acquistata online da Edizioni il Lupo: http://eshop.edizioniillupo.it/store/product_info.php?products_id=1124 

Per quanto riguarda il dispositivo di navigazione satellitare, c'è il Trek Mappa Italia di Garmin, che, sebbene costi 180 €, copre tutti i principali sentieri delle regioni di Italia, incluso la Majella.  Può essere acquistato dal sito della Garmin al https://buy.garmin.com/en-GB/GB/maps/on-the-trail-maps/topo-pro/trekmap-italia-v3-pro/prod113579.html

Una scelta più economica è rappresentata dalla mappa digitale della Majella, ottima nel suo genere e compatibile con i dispositivi Garmin, acquistabile per 60€ da Digital Walking Maps al http://digitalwalkingmaps.eu/South_italy_map/south_italy_map.html#majella2


QUANTO DURA CI VUOLE?


EREMO DI SANTO SPIRITO
Sebbene abbiamo completato il percorso in 4 giorni e 3 notti, consigliamo di prendersi più tempo per apprezzare più in tranquillità lo scenario, i paesini e ovviamente gli eremi. Questi ultimi sono strutture affascinanti: alcuni, come quello di Santo Spirito, sono molto elaborati. Ci si puo' impiegare tranquillamente un'ora o due per percorrere il labirinto di corridoi, celle e stanze.

EREMO DI SAN GIOVANNI
Altri, come ad esempio quello di San Giovanni, sono difficili da raggiungere poiché nascosti da gole ripide e rocciose, con ingressi tanto stretti da richiedere un equilibrio stabile e il non soffrire di vertigini.

Cinque giorni e quattro notti sarebbe l’ideale.



QUANDO


L'inverno sulla Majella può essere aspro e molti sentieri innevati tra Novembre e Marzo.  Sebbene diversi tratti si trovino all'ombra dei boschi, molti altri sono nelle piane aperte. 
Agosto, quando le temperature possono raggiungere facilmente i 30/40 gradi celsius, il caldo può rendere la camminata piuttosto faticosa. Le alte temperature aumenterebbe la necessità di acqua e pertanto un conseguente aumento di peso da trasportare nello zaino già di per sé pesante. Inoltre  alcune fonti d'acqua sono distanti tra loro.

L'inizio di primavera, Marzo e Aprile, è un periodo dell'anno stupendo che vede le colline scrollarsi di dosso il peso dell'inverno e la natura riesplodere di nuova vita. Non è escluso però che vi sia umidità in questo periodo.

La scelta migliore è quindi intraprendere il sentiero a Maggio, Giugno, inizio Luglio, Settembre e Ottobre. Noi abbiamo scelto l'ultima settimana di Settembre e d è stato semplicemente perfetto.


B&B, CAMPPEGGI E RIFUGI NELLA MAJELLA


Ci si può accampare liberamente dove più si preferisce lungo il sentiero, l'importante è essere rispettoso dell'ambiente e della fauna selvatica e lasciare tutto esattamente come lo avete trovato quando partite la mattina alla volta di rimettersi in marcia.


MAJELLA-MORRONE, RIFUGIO LACCIO ROSSO


Non si deve comunque dimenticare che si sta condividendo lo spazio con gli abitanti della Majella, che includono ovviamente lupi e orsi, quindi mettere i rifiuti e il cibo fuori dalla portata degli animali. 

Ci sono diversi rifugi lungo il sentiero in cui si è i benvenuti a  pernottare. Molti hanno un camino, tavolo e sedie, altri hanno una legnaia ma in generale ognuno raccoglie la  legna di cui ha bisogno. Altri ancora hanno un basico giaciglio per dormire ma bisogna essere pronti a dormire sul pavimento (oppure accamparsi fuori nella propria tenda). Meglio evitare qualsiasi materasso, a meno che non si voglia passare la notte con un numero indefinito di visitatori che pizzicano e che sono riluttanti ad andarsene.  Se invece ci si vuole abbandonare a un meritato relax lungo il sentiero, si può approfittare del lusso di un hotel o di un B&B a Roccamorice o nella località termale di Caramanico Terme.


ACQUA


Ci sono molti fonti d'acqua potabile lungo il sentiero, perfettamente sicure da bere. Ce ne sono addirittura alcune investite di una qualità curativa, la fonte di San Onofrio a Serramonacesca è un esempio. Spesso vengono segnalate sulla mappa e/o direttamente sul sentiero. Le acque dei ruscelli che si incontrano lungo il percorso sono altrettanto pulite e fresche. Amiamo bere direttamente dai fiumiciattoli,  e spesso lo abbiamo fatto, ma per una totale sicurezza si può ricorrere a una pastiglia purificante.


VALLE DELL'ORFENTO


Siccome dovrai trasportare e rifocillarti di acqua durante il sentiero, è raccomandabile avere 2 riserve d'acqua di 2-3 litri. Non si deve sottovalutare la quantità di acqua di cui c'è bisogno perchè sarà necessaria alla volta di cucinare, oltre naturalmente per soddisfare la sete che si farà sentire durante le lunghe salite previste lungo il sentiero.


GLI EREMITI E I MONACI CELESTINI
LA STORIA DIETRO IL SENTIERO


Le mie ricerche sulla Leyline lungo l'asse di San Michele/Apollo mi hanno portato non solo di fronte agli eremi, ma anche a draghi, miti e leggende, Cavalieri Templari, pagani e arcangeli. Alla Majella ho potuto trovare numerosi miti e leggende che raccontavano di Templari e di Dei pagani. Data la criticità della teoria della Leyline dedicata all'Arcangelo Michele, la preferisco mettere da parte per ora perché l'informazione è limitato. Passerò quindi agli eremiti, essendo meglio documentati, in particolare da Pietro di Morrone che, per la semplice ragione che stava per diventare Papa Celestino V e il padre fondatore dell'ordine religioso dei monaci Celestini, ho potuto seguire le vicende della sua vita, sia letteralmente attraverso il Sentiero dello Spirituale della Majella, sia leggendo gli scritti che le narrano.


STATUA DELL'ARCANGELO MICHELE, GROTTA SAN ANGELO, LETTOMANOPELLO


Per capire a pieno il fenomeno degli eremiti, dobbiamo tornare nel quarto o quinto secolo con San Onofrio (o Onophrius), di cui alcuni degli eremi della Majella sono dedicato. Onophrius visse nel tempo in cui la Cristianità stava emergendo in quanto fede dominante nell'Impero Romano, periodo nel quale molti Cristiani vennero ispirati a vivere la propria vita in solitudine e in preghiera, in costante  penitenza in nome dell'amore di Dio. Onophrius visse una vita da eremita per 70 anni, girovagando nelle aspre terre desertiche dell'Egitto settentrionale, coperto solo dai suoi lunghi capelli e un perizoma di foglie, come raffigurato nella statua dell'eremo di Serramonacesca. 

Le voci che raccontavano la sacrificata vita di Onofrio si sparsero in lungo e in largo per il Medio Oriente e in tutta Europa, e vennero costruite molte chiese e monasteri in suo onore. La lunga lista dei luoghi in cui è stato raffigurato, tra gli altri, include Polonia, Russia, Gerusalemme, Germania, Turchia e, ovviamente, l'Italia e la Majella. Il giorno in cui viene celebrato è il 12 Giugno, data della sua morte, giornata di festa nel paese di Serramonacesca, da dove inizia il nostro viaggio.

EREMO DI SAN ONOFRIO (Serramonacesca)
Dalla vita di San Onofrio facciamo un balzo in avanti di 700 anni fino al tredicesimo secolo incontrando l'eremita Pietro di Morrone. Nato nel 1215 in un'umile e modesta famiglia di Sant'Angelo Limosano, nelle vicinanze del Molise, Pietro divenne un monaco Benedettino nella sua tarda adolescenza. Verso i vent'anni decise di lasciare il monastero per vestire i panni di eremita in una grotta sul Monte Morrone della Majella. Condusse una vita pia, digiunando ogni giorno eccetto la domenica, vestito di una maglia di tessuto di crine, irruvidita da nodi e da una catena di ferro che avvolgeva il suo corpo scheletrico. Dedicava interamente le sue giornate, e molte notti, a pregare e lavorare.

La solitudine nella vita di Pietro però non durò a lungo. Quando la notizia della sua santa devozione  si diffuse, altri fedeli cercarono di seguirlo ed imitarne la condotta. Pietro quindi si ritirò in un'ancora più selvaggia e inaccessibile grotta della Majella (Eremo di San Giovanni), ma nel contempo una comunità di compagni eremiti si stava sviluppando sulla Majella, crescendo incessantemente. Al momento della sua morte, nel 1296 ebbe stabilito l'ordine religioso dei monaci Celestini con 600 monaci e 36 monasteri.

Il tardo 1200 fu campo di battaglia di una controversia politico religiosa che vide  Francia, Inghilterra e la Spagna Aragonese da un lato, e  il Papato in carica dall'altro impegnati in un aspro conflitto. Fu durante questo tumulto che la vita di Pietro venne ribaltata,  negli ultimi anni della sua vita. Nel 1292 il regnante Papa Nicola IV morì e il clima di lotte interne tra cardinali e le loro congregazioni fu un ostacolo  nel raggiungere un accordo della conclave sull'elezione di un Papa per ben due anni .

Dopo il lungo periodo d'impasse, l'agitazione tra le fazioni rivali divenne ancor più seria e l'elezione legittima di un Papa  sempre più urgente. Nel mezzo di questo caos il potente Cardinal Orsini riportò  che Dio gli disse di elevare al papato un pio eremita, pena un castigo divino. La richiesta venne esaminata dalla conclave, oramai esausta, e l'elezione ebbe luogo con votazione segreta. Chi mai avrebbe potuto essere meglio controllabile e manipolabile se non un “anziano sempliciotto e quasi analfabeta eremita Benedettino?”, fu il pensiero della Conclave. 

EREMO DI SAN PIETRO
Pietro , all'età ormai di 79 anni, sebbene riluttante, lasciò la sua amata Majella e con le lacrime agli occhi accettò la decisione della conclave divenendo Papa Celestino V, in nome della volontà di Dio. Non venne incoronato a Roma ma bensì nella più famigliare chiesa di Santa Maria Collemaggio nella città dell'Aquila in Abruzzo, una chiesa che aveva fatto costruire molti anni prima, su richiesta della Vergine Maria che gli apparve in sogno. 

Pietro fu un Papa debole e inefficace intrappolato all'interno di un potere gestito dal sistema ecclesiastico, commise molti errori nei soli cinque mesi del suo papato. Improvvisamente espresse il desiderio di dimettersi e, probabilmente, manipolato dall'astuto avvocato canonico Cardinal Caetani (il quale seguì a Celestino V come  papa Bonifacio VIII), consegnò le dimissioni, ritornando ai suoi abiti da eremita e tornando sui suoi passi nella solitudine della profondità della Majella.

La legittimazione delle sue dimissioni fu però messa in discussione e Bonifacio diede ordini di arrestarlo. Celestino scappò alla cattura nei monti della Majella in cui rimase per diversi mesi prima di tentare la fuga in Grecia con l'aiuto dei suoi amici e compatrioti. Venne infine catturato ai piedi del Monte Gargano in Puglia, nell'Italia Meridionale, e consegnato nelle mani di Bonifacio VIII che confinò il povero anziano in un'umida e scura cella nel castello di Fumone, vicino Anagni dove Celestino morì (o forse assassinato) all'età di 81 anni.

Nel 1313 San Pietro venne santificato e i suoi resti  trasferiti nella chiesa di Santa Maria Collemaggio a L'Aquila, dove si trovano tuttora. Nonostante i molti danni subiti dalla Basilica (ad oggi)  per via del terremoto del 2009, i resti di San Pietro rimasero miracolosamente intatti. 


Una volta al corrente del contesto di tutto ciò che è accaduto, il Sentiero dello Spirituale non può essere considerato una qualsiasi escursione di più giorni, nonostante attraversi scenari spettacolari che lo rendono assolutamente meritevole. E' anche un viaggio attraverso il tempo e la storia in cui ti ritrovi avvolto e completamente assorbito, senza fiato.


MAJELLA-MORRONE